Top menu

Selfiemployment – contributi all’autoimprenditorialità ed all’autoimpiego

E' finalmente operativa la misura agevolativa (attesa già da qualche mese) che dovrà supportare l'avvio dell'attività dei giovani che hanno concluso il percorso di studi, con finanziamenti a tasso zero.

Di seguito le principali caratteristiche dell'agevolazione in esame.

Soggetti beneficiari
Sono beneficiari i giovani con età compresa tra i 18 ed i 29 anni (compresi), iscritti al programma Garanzia Giovani, non occupati in attività lavorativa e non impegnati in percorsi di studio o formazione (i cosiddetti Neet), che intendono avviare iniziative di auto impiego e auto imprenditorialità.
E’ necessario che i beneficiari abbiano concluso il percorso di formazione specialistica obbligatorio.
Rientrano tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising.
L’attività può essere avviata dai seguenti soggetti costituiti da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattivi:

  1. Impresa individuale
  2. società di persone
  3. società cooperative con un massimo di 9 soci
  4. Associazioni professionali e società tra professionisti

I soggetti di cui ai punti 1, 2 e 3 possono anche non essere ancora costituiti alla data di presentazione della domanda, purchè si costituiscano entro 60 giorni dall’ammissione alle agevolazioni.
I requisiti di età e la qualità di NEET in caso di società/associazione devono essere posseduti:

  • Per le società di persone dal socio amministratore che deve possedere almeno il 51% del capitale;
  • Per le società cooperative dalla maggioranza numerica e di quote dei soci nonché dal Presidente;
  • Per le associazioni professionali e società tra professionisti da tutti i componenti.

Non sono ammissibili le società controllate da soci che nei 12 mesi precedenti abbiano cessato altra società controllata con attività analoga.

Il contributo
L’agevolazione consiste nella concessione di finanziamenti a tasso zero, che coprono fino al 100% delle spese, rimborsabili in 7 anni.
Non è previsto il rilascio di garanzie personali.
I contributi sono concessi secondo la regola del “de minimis” (ossia il totale delle agevolazioni rientranti in tale regime non può superare € 200.000,00 nel triennio).
Le tipologie di finanziamento sono così articolate:

  • microcredito per spese tra 5.000 e 25.000 euro. Il finanziamento viene concesso in un’unica soluzione anticipata, con bonifico, dopo il provvedimento di ammissione. Il piano di rimborso decorre dal 6 mese successivo.
  • microcredito esteso per spese tra 25.001 e 35.000 euro. Il finanziamento viene concesso in due tranche: la prima di € 25.000 anticipata, con bonifico, dopo il provvedimento di ammissione e con piano di rimborso decorrente dal 6 mese successivo. La seconda per il saldo a completamento del piano di investimenti entro 18 mesi.
  • piccoli prestiti per spese tra 35.001 e 50.000 euro. Il finanziamento viene concesso in unica soluzione a saldo oppure in due tranche: la prima entro 3 mesi fino al 50% delle spese documentate da fatture anche non quietanzate. La seconda per il saldo a completamento del piano di investimenti entro 18 mesi. Il piano di ammortamento decorre dal saldo. Per questa tipologia occorre anche polizza assicurativa per i beni di investimento contro rischi incendio e furto.

I beneficiari possono fruire anche dell’attività di tutoring.

Spese agevolabili
I progetti finanziabili riguardano l’avvio di un’attività imprenditoriale e devono essere realizzati entro 18 mesi dall’ammissione all’agevolazione.
Sono ammissibili:

1 - spese per nuovi investimenti:

  • attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti;
  • beni immateriali ad utilità pluriennale, ad eccezione di brevetti, licenze e marchi ivi comprese fee di ingresso per le iniziative in franchising
  • ristrutturazioni di immobili entro il 10% del valore degli investimenti

2 - spese di gestione:

  • materie prime, materiali di consumo, semilavorati, prodotti finiti
  • utenze
  • canoni di locazione
  • prestazioni di garanzie assicurative funzionali all’attività finanziata
  • personale dipendente e collaboratori

Non sono ammessi:

  • gli investimenti che prevedono la rilevazione di un’azienda già esistente.
  • Costi per beni e servizi forniti da imprese controllate, controllanti o collegate all’impresa richiedente o i cui soci siano soci/amministratori dell’impresa richiedente o loro coniugi o familiari conviventi

Domande

Le domande sono esaminate in base all’ordine cronologico di presentazione con procedura a sportello e possono essere presentate dal 1 marzo 2016.

Joomla templates by a4joomla

Informativa sui cookie
Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più clicca sul pulsante cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.