Top menu

Beni strumentali – Nuova Sabatini

Una misura destinata a migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l'effettuazione di nuovi investimenti è la nuova Sabatini.
Di seguto la norma in pillole.

Riferimenti normativi

Decreto Legge 69/2013, art. 2

Soggetti beneficiari

Piccole e medie imprese, regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese, non in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali e che non si trovano in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà.

Sono escluse le imprese operanti nei settori:

  1. dell’industria carboniera;
  2. delle attività finanziarie e assicurative (sezione K dei codici ATECO 2007);
  3. della fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattierocaseari.

Contributo

Finanziamenti o leasing a tasso agevolato della durata massima di 5 anni e fino al 100% dell’importo dei beni agevolabili, erogati in un’unica soluzione, concessi dalle banche che aderiscono alle Convenzioni Mise-Abi-Cdp.

Il contributo è pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d’interesse del 2,75

Il finanziamento può anche essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino al massimo dell’80% dell’ammontare del finanziamento

Spese agevolabili

Gli investimenti ammissibili sono relativi a macchinari, impianti, attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché hardware, software e tecnologie digitali destinati a:

  • creazione di una nuova unità produttiva;
  • ampliamento di una unità produttiva esistente;
  • diversificazione della produzione di uno stabilimento;
  • cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di una unità produttiva esistente;
  • acquisizione degli attivi direttamente connessi ad una unità produttiva, nel caso in cui l’unità produttiva sia stata chiusa o sarebbe stata chiusa qualora non fosse stata acquisita e gli attivi vengano acquistati da un investitore indipendente.

 

Gli investimenti:

  • devono avere valore complessivo compreso tra il minimo di € 20.000,00 e il massimo di € 2.000.000,00;
  • Non sono ammissibili con riferimento a singoli beni di importo inferiore a €500,00;
  • devono essere avviati successivamente alla data della domanda;
  • devono essere mantenuti per 3 anni;
  • non devono essere di mera sostituzione;

 

Domande

Le domande dovranno essere presentate a mezzo PEC direttamente all’istituto di credito convenzionato di riferimento.

I finanziamenti saranno concessi entro il 31/12/2016

Joomla templates by a4joomla

Informativa sui cookie
Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più clicca sul pulsante cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.