Top menu

Modello IPEA: nuove modalità di invio

Con il provvedimento del 12 ottobre 2016 avente il Prot. n. 2016/164492, l’Agenzia delle Entrate ha dettato le modalità di trasmissione telematica del Modello IPEA, da presentare da parte del contribuente al fine di utilizzare le perdite pregresse - ancora disponibili - a scomputo delle maggiori imposte dovute a seguito di accertamento.

Come è noto l’art. 25 D.Lgs. 158/2015 ha modificato l’art. 42 D.P.R. 600/1973 disponendo che le perdite relative al periodo d’imposta oggetto di accertamento, sono computate in diminuzione dei maggiori imponibili accertati fino a concorrenza del loro importo.
Poiché si tratta di una facoltà, il contribuente, che riceve l’atto di accertamento, al fine di ottenere lo scomputo delle perdite pregresse ancora disponibili deve farne specifica istanza con la presentazione del Modello IPEA, approvato per la prima volta con Provvedimento dell’8 aprile 2016 - Prot. n. 2016/51240 - che ne stabiliva le modalità di presentazione.
Il provvedimento del 12 ottobre ha approvato anche il nuovo modello, che in definitiva è identico a quello dell’8 aprile, cambiando soltanto le modalità di trasmissione.
Pertanto il modello va presentato entro il termine previsto per la proposizione del ricorso oppure nel corso del contraddittorio instaurato, nel caso di accertamento con adesione.
Il precedente modello doveva essere trasmesso a mezzo PEC all’Ufficio che aveva emanato l’atto di accertamento unitamente alla copia del documento di identità del firmatario dell’istanza,
Il nuovo modello dovrà essere compilato tramite il software gratuito di compilazione IPEA e la presentazione potrà essere effettuata direttamente dal contribuente abilitato tramite Entratel o Fisconline oppure tramite intermediario abilitato.
Quest’ultimo dovrà rilasciare al contribuente un esemplare del Modello predisposto in formato elettronico, nonché copia dell’attestazione dell’avvenuto ricevimento del Modello da parte dell’Agenzia delle Entrate.
Questa attestazione costituisce prova dell’avvenuta presentazione.
Resta ferma la possibilità di presentazione ossia tramite PEC all’Ufficio competente per un periodo transitorio di 60 giorni; dopo tale periodo l’unica modalità possibile sarà quella telematica.

Joomla templates by a4joomla

Informativa sui cookie
Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più clicca sul pulsante cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.